Post in evidenza

Non supportare gli studenti oggi significa non avere mai più una cura

Partiamo dalla premessa che non sono una complottista, credo assolutamente nell’esistenza del Virus Covid-19, sono consapevole della sua gravità, credo assolutamente nella medicina quindi spero fortemente che il vaccino ci aiuterà a risolvere il problema di questa pandemia o epidemia che dir si voglia. Lo chiarisco per sgombrare il campo, dato che una massa di idioti il cui unico scopo in vite evidentemente troppe noiose pare essere la sindrome della Signora in Giallo che scopre perennemente ciò che gli altri non sanno e quello che dei non ben definiti “loro” non dicono, tale scopo ridicolo e i pregiudizi che ne conseguono, tolgono a ogni essere ragionante del pianeta il diritto di analizzare i fatti, a volte di dissentire.

Soprattutto se, come nel mio caso, il pensiero, la riflessione sui fatti è più che altro sociale, filosofica, non tanto per l’avere una Laurea in Filosofia ma perché cercare di comprendere la psicologia e l’animo umano, così come anche il comprendere come funzioni la società, riferiscono al lavoro che ho scelto.

Quella dei ragazzi che protestano perché vogliono andare a scuola e che manifestano, scioperano per il diritto all’Istruzione che viene in questo momento loro negato da parte non solo del nostro governo, ma anche di altri governi in giro per il mondo che non stanno garantendo più questo diritto delle prossime generazioni, è una questione che mi fa riflettere soprattutto quando leggo i soliti commenti in giro sui soliti famigerati social culla dell’Oklocrazia, da parte di generazioni molto attaccate alla propria pellaccia, come al solito generazioni estremamente egocentriche che insultano dall’alto dei loro trenta, quaranta, cinquanta, sessant’anni e oltre, i ragazzi che vorrebbero andare a scuola ma chiedono anche di poter avere una vita sociale, avere il diritto alla loro gioventù.

Fa rabbia a me personalmente perché io personalmente ho una morale per cui penso che l’essere umano, come tutte le altre specie, dovrebbe avere come istinto etico di base quello di proteggere più la generazione futura che la propria vita, perché c’è un momento nell’esistenza in cui la nostra vita e le nostre occasioni le abbiamo avute e dovremmo invece sforzarci a garantire le migliori basi per la generazione futura. È un istinto che dovremmo avere non solo per i nostri figli (e parlo da persona senza figli) ma in generale per le generazioni future, invece vedo che l’essere umano rimane l’animale più egoista tra ogni specie, dato che pensa quasi sempre più al contingente e al suo momento, alla sua personale vita che ai propri figli e al futuro della propria specie.

La situazione ecologica del pianeta non sarebbe quella che è, d’altronde, se non fosse così.

Persino i politici pensano più al guadagno e alla loro poltrona che al futuro dei loro stessi figli, il discorso è autoevidente.

Detto questo, anche in questa situazione stiamo macchiandoci dello stesso enorme peccato morale che è alla base dell’indifferenza delle sorti del pianeta.

Stiamo pensando più al contingente che non alla generazione futura e quindi alla società futura. Stiamo pensando alla sopravvivenza dell’oggi e non a quello che stiamo distruggendo per un eventuale domani, se ci sarà un domani e non è un dubbio dato dall’esistenza di un Virus, ma per via del tempo che rimane a questo pianeta, appunto, a causa della nostra totale indifferenza al grido degli scienziati in merito (in tal caso siamo sordi perché non sembra riguardare, oggi, la nostra pellaccia, quindi i moniti di politici sensibilizzati sull’argomento e scienziati non contano).

Ce ne freghiamo dei nostri figli e pensiamo al nostro oggi, al nostro potere, ai nostri territori, alle nostre sicurezze, come per esempio accade durante le guerre quando per ragioni assolutamente ridicole si mandano tranquillamente a morire i giovani.

E pure con la retorica del giusto sacrificio.

Dunque sgombriamo il campo da un grossissimo equivoco di fondo rispetto a chi ci governa, in Italia e nei Paesi in cui si sta commettendo questo immenso pasticcio ideologico, “morale”.

I governi non ci chiedono di stare in casa, non impongono i lockdown perché sono “preoccupati per la nostra salute”: i governi non sono mai preoccupati “per la salute dei cittadini”, sgombriamo questa visione da Libro Cuore e ragioneremo più lucidamente.

Come dice Yuval Noah Harari in uno dei suoi bellissimi scritti, in generale i governi del mondo occidentale contemporaneo “democratico” non si differenziano da altri fondati su sistemi tirannici se non perché hanno alla base esigenze dettate dal capitalismo, dal consumismo, quindi se per altri tipi di governo mantenere in vita il popolo è dettato dal bisogno di avere molti contadini o operai, o soldati, per i nostri governi è necessario avere un gran numero di consumatori ed elettori.

La morale non c’entra niente.

Tanto che, sempre citando Harari, ci sarà da preoccuparsi quando, sostituiti da macchine e Intelligenza Artificiale in tante funzioni pratiche, le “persone” non serviranno più.

In questo momento i governi si preoccupano di fermare tutto e chiuderci in casa perché non hanno posti sufficienti negli Ospedali per accudire un gran numero di malati tutti insieme.

Quindi chiariamo il primo equivoco ideologico che ha ricaduta moralista su quelli che sbraitano sui social: non siamo in una situazione in cui i governi fanno qualcosa per noi, per il nostro bene, siamo noi che ci sacrifichiamo e siamo sacrificati per facilitare la vita a chi ci governa.

Non è per la nostra salute e benessere ma per diminuire la pressione su di loro e le loro responsabilità.

Sgombriamo il campo anche da un altro passaggio da Libro Cuore della attuale retorica: non lo facciamo neanche per i medici e gli infermieri subissati dal numero di malati, perché sono esausti e via dicendo. È inutile continuare a insistere sui numeri, i malati sono tantissimi, tantissimi i morti ma, non per dare assist ai complottisti, siamo comunque lontani dal numero di malati e morti che impegnano strutture e personale medico ogni anno, ancora continuano a non raggiungere il numero di morti per cancro, incidenti, e persino per le conseguenze dell’HIV.

È che questi malati arrivano tutti insieme e medici e infermieri sono sacrificati da un sistema sempre stato sbagliato: non sono abbastanza, non c’è stata alcuna preparazione per fronteggiare una epidemia, come ha sottolineato ogni epidemiologo fin da principio, per la nostra illusa presunzione per cui si è immaginato che le nostre generazioni non avrebbero mai dovuto affrontarne una.

Il gran numero di laureati in Medicina e infermieristica in questo Paese, la Laurea se la rimira appesa al muro.

Non abbastanza Ospedali, non abbastanza personale. Dunque anche Medici e Infermieri, direttamente o meno, lo fanno per i governi, il sacrificio, per mettere una pezza alle loro mancanze e per ammirevole senso di responsabilità ma chiedere al cittadino di sacrificarsi “almeno per loro” è un ricatto morale estremamente scorretto.

Non è il governo che fa qualcosa per noi, quindi, ma siamo noi, tutti noi, che risolviamo problemi per loro, sacrificando in primis i nostri figli e la società futura.

Punto.

Aggiungiamo ancora, se vogliamo guardare questa situazione tentando di elaborare una teoria della Giustizia e della morale, che tutto quello che si sta facendo in questo momento, penalizzando i giovani, non la si sta facendo per il bene della società e della collettività.

Altro pasticcio teorico e ideologico, tanto che mi stupisce che si usino queste espressioni e concetti.

Se si stesse veramente ragionando intorno al bene della società e della collettività, fiumi di inchiostro sono stati versati su carta e ancor prima su papiro, sul principio per cui “il bene della società” non va mai calcolato o valutato in base alla contingenza, dunque al momento presente ma in base a quello che si sta costruendo per il futuro e qui torna il discorso per cui togliere il diritto all’Istruzione ma anche alla formazione umana (che passa per la socialità, l’esperienza con l’altro da sé, lo sport) ai bambini e ai ragazzi oggi significa star seminando qualcosa di catastrofico per il futuro.

Punto.

Non è opinabile e non è fantascienza.

Chi conosce la Storia e chi conosce l’evoluzione antropologica, sociale, sa bene che è così ed è da dementi girarci intorno con osservazioni che malcelano un egoismo di base, dettato da una irrazionale ed egocentrica paura.

Non che ci si possa fare niente, a noi non è dato il potere ma almeno siamone consapevoli e quindi fortemente complici, sosteniamo queste sfortunate generazioni immolate sull’altare delle esigenze di una politica zoppa e di una generazione uscente egocentrica ed egoistica come non mai.

Aggiungo elementi per i più legnosi che non abbiano ancora visto la freccia semantica Istruzione-tutela dei giovani=futuro.

Inutile che ricordi cosa sia significato in termini di beneficio per la società il miglioramento della diffusione dell’Istruzione nel nostro mondo occidentale, inutile che ricordi la storia personale di mia nonna siciliana che piangeva perché per la cultura del Sud dell’epoca non era previsto che una ragazza completasse gli studi fino all’Università, o che citi la tanto osannata (in altre circostanze) Malala e la sua battaglia per andare a scuola, inutile che ricordi gli sforzi in Sud America di Tina Modotti ed altri che andavano a insegnare a leggere e scrivere ai contadini raggiungendoli nei campi perché consapevoli che una vera libertà di pensiero si basa sull’istruzione, inutile ricordare che ancora cento anni fa si combatteva perché consapevoli che la Rivoluzione più importante e il più grande beneficio per il futuro risiede nel consentire il diritto all’Istruzione a tutti.

L’atto più democratico, l’atto più civile che ha differenziato la nostra società che definiamo migliore, che consideriamo migliore di quelle precedenti e forse a tutti gli effetti era migliore in questo senso, è stato stabilire e difendere questo diritto e non è solo quindi il progresso di Scienza e Medicina che ha radicalmente cambiato la nostra società perché ci hanno allungato la vita, ce l’hanno resa più comoda, ma anche e forse soprattutto la capillare diffusione di un’Istruzione che andasse oltre il saper leggere e scrivere ma che portasse più persone possibili fino all’Università, moltiplicando le possibilità di eccellenza in ogni campo.

Anche e soprattutto nella Scienza, nella Medicina.

Proprio in questi giorni ho visto una bellissima docuserie su Netflix sui chirurghi più famosi del mondo. La consiglio vivamente, soprattutto la puntata sul più grande neurochirurgo del mondo, che risiede in America ma è messicano, il dott. Alfredo Quiñones-Hinojosa.

Un chirurgo che opera cervelli da chiunque altro considerati inoperabili.

La sua storia fa pensare a due concetti.

Il primo, un po’ fuori tema ma che mi piace sempre ribadire, riguarda il fatto che colui il quale oggi salva moltissime vite, era un clandestino messicano che ha scavalcato il muro a diciannove anni e che in sette anni è passato dall’essere un bracciante clandestino ad Harvard, passando per scuole serali che ha voluto ostinatamente fare e si è pagato faticosamente da solo, ci insegna che magari su uno dei barconi che i nostri politici non vogliono fare attraccare nei nostri porti, c’è il futuro dottore che salverà la vita a un loro figlio o loro stessi, ma l’altro principio in tema è che se questo ragazzo oggi uomo non avesse potuto, grazie al suo coraggio e determinazione ed essere riuscito ad arrivare in un Paese dove il diritto all’Istruzione era più accessibile, perché un Paese meno povero, un Paese che se non altro investe nel futuro cercando e premiando il merito e l’eccellenza, oggi non avremmo questo grande chirurgo e quindi molte vite in meno.

Dunque, per concludere, sgombriamo per favore il campo da pretesti e giustificazioni morali per imporre un sacrificio che è immorale e sicuramente in contraddizione con quella che sarebbe la natura della nostra specie, accettiamo che lagne, insulti e lamentele lanciate a questi ragazzi da leoni da tastiera che scribacchiano commenti seduti sulla tazza del cesso, nascono da una innaturale, malata forma di egocentrismo dato dal panico e dalla paura. Per se stessi, solo e unicamente per la propria vita e benessere.

Se non altro ragioniamo su questi punti, visti da un punto nel futuro o nell’Universo considerando quella che Maritain definiva morale autoevidente, se non altro per evitare di renderci ridicoli.

La ribellione di questi ragazzi nasce da un istinto sano e giusto, le suddette considerazioni magari non ce le avranno presenti ma è la natura umana, la nostra intelligenza che ci piace pensare essere dono divino, che crea in loro questo istinto, questa consapevolezza inconscia di avere diritto, per certi versi questo umano dovere, quegli umani che, citando Hannah Arend arrivano nel mondo per creare qualcosa di nuovo, sanno di essere vittima di una mostruosità morale, una devianza di specie, con oltretutto la beffa di essere rimproverati e additati sulla base di principi ridicoli e filosoficamente sbagliati, del tutto sbagliati.

Post in evidenza

“Un film di” e quando il possessivo conviene a tutti tranne che al Regista

Mi sono ritrovata a scrivere, per una cosa che devo pubblicare, parole come queste: “C’è una cosa che accomuna altri ruoli in cui mi sono trovata nella mia vita, da donna, da mezza straniera, da bionda e poi da Regista.

Un certo pregiudizio per cui hai solo doveri, subisci invidia non manifesta (anzi possibilmente sfottò) e nessun diritto. Mai l’avrei pensato quando ho cominciato a capire che era il mio mestiere, la mia propensione, il narrare per immagini, per me con l’idea principale di raccontare quello che altrimenti non avrebbe voce, possibilmente ciò che conoscevo meglio già allora, il pregiudizio.

Non avrei pensato di trovarmi a discutere con chi ti dice che “quel che conta è la sceneggiatura, la visione è la sua, il Regista mette s o l o in scena” come fosse una passeggiata, ma certo che altro devi fare, devi fare delle riprese e mostrare quel che succede… se replichi con le parole di Suso Cecchi d’Amico sulla sceneggiatura e il ruolo di chi scrive (ruolo che conosco benissimo perché ho scritto e scrivo per colleghi e so bene di essere seme ma che la gestazione e il parto saranno del Regista e mai mi permetterei di mettere “visioni” nella morfologia di uno script) e cioè che “lo sceneggiatore scrive per un Regista, la visione è sua, spesso lo sceneggiatore si ritrova sullo schermo una cosa totalmente diversa da ciò che aveva immaginato ma è giusto così perché il film è del Regista”, ed è arrivata a dire, in una intervista in un libro raccolta degli anni ‘90 curata dal Premio Solinas che “un giorno la sceneggiatura sparirà e resteranno i film” dicendo testualmente: “lo sceneggiatore è una figura destinata a scomparire perché insiste a dire con parole ciò che SPETTA ad altri dire con l’immagine, un mestiere insensato..” allora rischi il livore e l’attacco personale, e bizzarre teorie confuse e filosofeggianti, anche perché chi scrive e basta ha più tempo e serenità, è preso meno calci e quindi ha più forza di polemizzare; peggio mi sento se cito Sydney Lumet: “Il Cinema non è una faccenda democratica, può esserci una sola visione ed è quella del Regista”, perché citare dei Grandi mette in confusione

Ma il peggio in assoluto deriva dalle confusioni lessicali intorno alla definizione “un film di” che in italiano non suona esattamente come “a film by”, che è più un “fatto da”, invece quel pronome possessivo all’italiana manda ai matti chi hai intorno. Nel bene e nel male, da quello sul set che ti dice che il Regista non andrebbe pagato “perché alla fine il film è suo” all’incredibile produttore che mi dice “io non farò mai firmare un Regista “un film di” ma al più “diretto da”. Come se ci fosse un gne gne di appartenenza (i diritti sono i suoi, chi ci guadagna come ci perde economicamente è lui e chi non lo riconosce..) e non una direzione di cui sei responsabile.


È un mestiere questo che ti mette nella stessa situazione della donna mezza straniera bionda: non devi far altro che giustificarti.

Quando poi di fatto la gravidanza d’elefante, per anni, la porti tu, la pazienza per trovare come, tramite chi, trasmettere, difendere, migliorare la sceneggiatura, saper comunicare la visione, come lo immagini e come sarà e – come dicevo giorni fa riguardo i miei studenti – vedi subito chi ha questa propensione, un po’ dannazione un po’carattere per cui vivi inseguito dai fantasmi del film passando per docce scozzesi incredibili: si fa – non si fa, slitta, salta, no si fa, e intanto sei un Direttore d’Orchestra che gestisce visione vs realtà e trova soluzioni, comunica, rassicura, tiene duro contro le avversità, poi finisce – se si fa, attraverso mesi a gestire caratteri, vizi, capricci e paturnie sempre saldo all’Idea come un naufrago alla zattera, poi esce … o non esce? Sì esce, i Festival – se non ti prendono tieni duro, il film ormai è tuo (pronome detto timidamente) figlio e certo che ci stai male ma tieni duro.

Esce, ti giudicano, se è bello è merito del lavoro corale se è brutto è colpa tua, tu fai pippa, è così che devi fare perché devi stare zitto e “grato e sorridente” mentre discuti con gente che da minuto uno della filiera da cui inizia il percorso, nel 90% dei casi non ha la minima idea del Cinema ma devi sorridere e fare pippa pensando che è parte del gioco e trovare mezzi di comunicazione adeguati.”

Scrivevo più o meno questo ieri per questa pubblicazione.


Poi ecco, a volte accade questo. https://www.dire.it/02-05-2020/455036-egitto-muore-in-carcere-il-regista-del-video-ironico-su-al-sisi/


Quello di cui parli è talmente importante che a qualcuno dà talmente fastidio, in un mondo non libero, che per quello che hai mostrato, che hai raccontato, muori.
Anni fa Van Gogh.
Adesso questo ragazzo, ventidue anni, età di molti dei miei studenti tra cui vedo subito, dallo sguardo e dal carattere “sì tu puoi fare il Regista, tu lo Sceneggiatore” e non c’è un meglio o un peggio ma una questione legata a quanto talento visivo hai, ma anche a quanto larghe hai le spalle per l’assunzione di responsabilità.


Per la prima linea e non la prima fila.
Perché poi quando le cose si mettono gravi, sono tutti d’accordo su “di chi” sia il film.

Post in evidenza

(Caro Franceschini ti spiego perché devi combattere perché Cinema e Teatri riaprano quando apriranno le chiese) Eroi bistrattati, sacerdoti perseguitati, corpi martoriati, di sicuro dimenticati

Sto veramente male per il mio settore. Quando ero adolescente e sognavo di lavorare nel Cinema, nel Teatro, insomma nel comunicare Bellezza con la narrazione per immagini e parole, creare catartiche eterotopie di evasione, fosse per riflettere, avere il pretesto per piangere per un dolore, fosse per ridere e dimenticare il dolore senza distruggersi il fegato, per dare al mondo quel che un cinema o un teatro hanno dato a me letteralmente salvandomi la vita, mai avrei pensato – non fino ad un famoso giorno in cui reggevo l’ombrello ad un attore su un famoso set – che il mondo potesse essere tanto cieco ed ingrato verso questo settore.


Ci sono entrata, studiando molto (non ho mai smesso) partendo dalla gavetta, ma dovendo costantemente difenderlo dai barbari.


Ho dovuto sentir dire che con la Cultura non si mangia, che noi siamo “inutili”, che siamo un settore “superfluo” fino ai “ma con la tua bella Laurea potresti trovare un lavoro” detto pure dopo aver fatto quattro film da Regista, firmato sceneggiature per colleghi, firmato spettacoli andati in turnée in tutta Italia ma soprattutto aver pagato tantissime tasse, perché del nostro settore si ricordano solo per le percentuali dei nostri guadagni da dare allo Stato.
Contando che non abbiamo alcun benefit, noi partite IVA delle “creazioni artistiche”, e non avremo pensione.


Ma paghiamo le vostre.


Ora, al di là del trattamento come sempre demmerda di (anche) questo governo (anche) in questa emergenza, in cui parlano del riaprire teatri e discoteche “come le sale da ballo e le discoteche quindi luoghi di divertimento” a babbo morto, dimostrando la (solita) ignoranza abissale nel non comprendere che teatri e cinema NON sono “luoghi di divertimento” ma per tutti voi e anche loro, grandiose teste di k, corrispondono da almeno 2500 anni a templi e chiese perché è lì dentro, luoghi di rituale collettivo, che le nostre anime e menti si nutrono dei principii morali, persino in un film di Checco Zalone ciò avviene, principii grazie ai quali evitiamo di diventare dei totali barbari con la clava; la catarsi e l’evasione in un luogo deputato NON SONO “lo stesso che vedere una serie-un film sul divano di casa” (e lo dico da amante delle serie ma appunto è come la differenza tra pregare da solo a casa e pregare con gli altri in parrocchia/tempio etc, sono rituali di cui l’umano necessita) AL DI LÀ DI QUESTO che capisco ci voglia un filo di cultura e preparazione in più di chi vive per cucirsi al sedere tutt’altre poltrone – e chi lavora nel mio settore non porta abbastanza elettori, perché questo siamo noi idioti che andiamo dietro questo o quel partito: massa numerica da usare come carta igienica – ecco, ciò che mi fa male, malissimo, in questi giorni è vedere: film di colleghi costretti allo streaming, colleghi con film bloccati, teatri chiusi, spettacoli saltati. Per quelli che normalmente ci rispondono, e trovano la mano per mettere firme che fanno la differenza tra la vita e la morte dei nostri progetti dopo mesi, la situazione attuale è pretesto per perdere ulteriore tempo (a loro gli stipendi arrivano ma c’hanno da montare il Lego del figlio o il nipote), colleghi di varia professione che mettono annunci tipo vi faccio lezione di recitazione online, vi faccio lezione di scrittura online, vi sistemo i temi dei vostri figli.
Gente grande e con una carriera, che sta tentando di capire come mettere insieme pranzo e cena dopo anni di studi, gavetta, lavoro, risultati, che sta tentando di inventarsi come sopravvivere.


Ma Cristo Santo quando la smetterete di trattarci come gente che non merita di essere seppellita in terra consacrata, considerare le attrici alla stregua di prostitute e noi creatori di mondi come gente che tanto se diverte e deve esprimersi?
In un’era come questa siamo i vostri psicologi a buon prezzo, i vostri animatori e i vostri sacerdoti, volete avere un minimo di cura e rispetto per le centinaia di migliaia di lavoratori che compone il nostro settore?


E scusate se per una volta parlo degli artisti, visto che quando si parla dell’elettricista e del macchinista allora sì, ok, pronti a dire che sono lavoratori come un operaio Fiat e allora sì, certo…
Ma tesori de zia, chi crea, scrive, dirige, fotografa, fa scene e costumi e gli attori, gli at-to-ri, sono lavoratori, siamo lavoratori che spesso è il primo motore grazie al quale un lavoro esiste e se voi avete ancora dei rituali in cui alleviare le vostre complicate vite.


Questo costante umiliarci e bistrattarci da parte della politica quando poi, Ministri e Presidenti sono i primi a correre scodinzolanti sui carpet e alle prime, i primi ad accaparrarsi i meriti per i Premi dati “all’Italia” e io ho sempre voglia di urlare “non all’Italia, demente, a lui! a lei! che si è fatto/a il cosiddetto per anni tra umiliazioni, attese, pazienza, fatica e angoscia e probabilmente a questo momento ci è arrivato con l’esaurimento nervoso, ma che c’entri tu e che c’entra l’Italia!” ché quasi sempre l’Italia e tu classe politica di turno avete tentato di sabotarla, quell’impresa, e se non ci fosse stato un gruppo di pazzi determinati a farla non avrebbe visto la luce e tu a mettere lo smoking e importunare le attrici.


Dunque io in questa pandemia che forse ci siamo veramente meritati e avremmo meritato l’estinzione ma questo virus non è mai stato il caso (e lo sapevano) la cosa per cui sto peggio è l’ennesima conferma della (solita) indifferenza per questa salvifica, protettiva religio che chiamo “il mio settore”, la pena per i colleghi e la pena del confermarmi che niente, nemmeno l’Apocalisse fa capire agli ottusi ciò che, nel mondo umano, davvero conta e andrebbe protetto. Almeno rispettato.

Post in evidenza

“Io che non ho figli non posso parlare”

Quando una delle mie nipoti era piccola siamo andate a vedere “Dinosauri”, mia nipote è sempre stata particolarmente intelligente e curiosa, sopra la media (poi si è anche scoperto perché) e faceva domande scomode. Uscite da quel film era molto pensierosa e ad un certo punto mi ha chiesto: “Ma perché il protagonista ha voluto che il branco aspettasse i dinosauri vecchi e lenti mentre gli altri non volevano?” io ho risposto: “Ma perchè non è giusto, amore, lasciare i più deboli indietro, la civiltà in cui viviamo ha raggiunto il principio morale per cui non si lasciano indietro i più deboli”. Lì è entrata in gioco la sua intelligenza, lo dico non da zia fiera perché appunto ci sono ragioni specifiche per cui lei sia così, infatti è andata oltre la domanda, magari normale per una bambina di sette anni, e ha fatto un’associazione di idee che mi ha spiazzato.

“Ma se abbiamo visto quel documentario sugli elefanti che se ne vanno da una parte a morire per non rompere le scatole al branco, allora quei vecchi elefanti hanno torto?”

“No, è una loro scelta, sai…”

“Perché?”

“Perché rallentano il branco”.

Mi ha guardato in silenzio con gli occhi profondissimi che ha e ha detto:

“Non capisco.”

“Si fa, di sostenere i vecchi perché un giorno lo saremo anche noi.”

“Quindi è una cosa egoista.”

“Come egoista?”

“Perché pensiamo comunque a noi”.

Come spesso accade mi ha lasciato senza molte parole.

“Comunque tu come vuoi fare? Io farò come gli elefanti.”ha detto.

“Sì anche io farei così, per non disturbare” ho risposto sinceramente.

“E quindi?”

Giuro che è una reale conversazione fatta davanti ad un panino e delle patatine. La cito spesso in realtà riguardo la mente logica di mia nipote.

La verità vera è che vengo da una famiglia in cui ci si è sempre comportati come gli elefanti pur avendo per tutta la vita difeso i più deboli. Quando i deboli siamo noi cerchiamo di non rompere le scatole.

È personale.

La verità vera generale è che le nostre civiltà si sono evolute moralmente con l’idea di aver cura dei più deboli, sicuramente in gran parte probabilmente per proiezione, in quella forma egoismo di cui parlava mia nipote, togliendo la circostanza personale dei nostri diretti parenti e quindi la componente affettiva, si fa un po’ come premio per una vita di lavoro, un po’ come ringraziamento e risarcimento nel momento del passaggio generazionale.

Mi soffermo su questo ultimo concetto.

Ogni specie animale che viva in branco, tende ad avere il comportamento degli elefanti, alcune specie di primati tengono con sé gli esemplari anziani e se ne occupano, ma di sicuro ogni specie su questa Terra ha un obiettivo principale: crescete e moltiplicatevi. L’istinto naturale, quello – oltretutto – per cui noi siamo passati dalle caverne ad andare sulla Luna ed avere il telefonino, è basato sul principio della staffetta generazionale.

La generazione successiva è quella che conta, una famiglia funzionale, infatti, secondo la moderna psicologia, è quella che antepone bisogni, poi progetti di vita dei figli ai propri, una volta diventati genitori si abdica al primato delle esigenze, a meno che non si sia genitori narcisisti.

L’adagio per cui “si fa tutto per i figli” prevale persino in chi figli non ne ha, quando si tratta di adulti sani infatti si sa e si agisce sulla base di questo principio di appartenenza ampio e assoluto del genere umano e la sua Storia.

Noi viviamo in una società in cui questo principio viene sempre più tradito e violato. Non siamo una società per giovani da quando ero giovane io e sono felice di riconoscermi la coerenza per cui mi incazzavo allora (che potevo essere considerata di parte) quanto mi incazzo oggi per la disfunzionalità di una società in cui ci sono generazioni dal culo di pietra: rubano il lavoro ai giovani non schiodando da certe posizioni soprattutto di potere, se ne sbattono del mondo che lasciano a chi viene deridendo le istanze di giovani che chiedono di fare qualcosa per il futuro del pianeta che in cent’anni abbiamo massacrato (sentito con le mie orecchie: “e che mi frega che tra trent’anni non ci sta più acqua, tanto io so’morto”).

Ma va bene, nonostante abbiamo avuto generazioni egoiste e disfunzionali che dei loro nipoti se ne sbattono, noi restiamo quella società che non lascia indietro al punto di sacrificare i giovani (ancora una volta) per i vecchi, in questa situazione del Covid19.

Perché di questo si tratta al di là di ipocrisie e ridicoli concetti masticati da genitori quarantenni ipocondriaci che hanno paura per se stessi e fingono di farlo per i loro bambini.

L’informazione è chiara è incontrovertibile: ai bambini questo Virus non fa nulla, per i giovani è molto ma molto ma molto più probabile che muoiano per un incidente o una tegola in testa, la percentuale di chi è stato o sta molto male è tale che sappiamo bene, dato che abbiamo tutti avuto vent’anni, il rischio non varrebbe i domiciliari, senza una vita, amici e respirare l’aria. Quelli con malattia pregressa rischiano per qualunque infezione e può valere, persino per un giovane malato, il suddetto principio.

Bambini e giovani stanno sacrificandosi per i vecchi, e non gli è stato chiesto, come in altri Paesi, digressione necessaria: NON è vero che ovunque sia stato applicato il “modello Italia” come da questo articolo, https://www.wumingfoundation.com/giap/2020/03/modello-italia-coronavirus/

lo è stato solo nei Paesi con il nostro problema di inadeguatezza iniziale del servizio sanitario nazionale, dunque non è stato “chiesto” a bambini e giovani di tapparsi in casa come sacrificio umano per coprire le magagne di un sistema impreparato ma soprattutto per “salvare gli anziani e i deboli”.

Gli è stato imposto.

Gli è stato imposto chiedendo loro di fermarsi per non lasciare indietro e lo stanno facendo.

Avendo io studenti molto giovani che seguo con le lezioni da remoto, vedo che lo stanno facendo anche con grande spirito di sopportazione e generosità, seppur consapevoli che non sono loro quelli in pericolo.

Questo andrebbe lodato perché noi, mi ci metto pure io che non sono certo vecchia ma nemmeno giovane, si è “giovani” fino a 35 anni e dopo si è uomini, o donne che devono cominciare a far bilanci e prepararsi al fatto che dai 40, 50 cominciamo progressivamente ad essere ospiti in un mondo che ci dovrebbe aver dato le nostre chanches e che sta passando ai figli, chi viene dopo.

Siamo ospiti in un mondo loro, tanto che non esisterebbe il principio di emergenza per cui si salvano “prima le donne e i bambini” dove per donne si intendono le madri e chi può ancora esserlo, perché la metafora del nostro mondo dovrebbe essere quella sequenza di “Titanic” in cui i vecchietti si stringono nel letto mentre la nuova generazione tenta di salvarsi per creare un futuro.

Loro, i bambini e i giovani si sacrificano con un sacrificio che i quarantenni e oltre, soprattutto i sessanta/settantenni si ostinano a definire “risibile, non tanto tragico, puoi salvare il mondo stando in poltrona mentre un secolo fa andavano in guerra”, quest’ultimo un paragone agghiacciante costantemente e impropriamente utilizzato anche dai nostri politici: fosse una guerra si dovrebbero prevedere e accettare inevitabili perdite e allora avremmo dovuto dircelo da subito e lasciare crepare la gente senza tutto ‘sto casino.

NON è una guerra, è il contrario, qui si tenta di salvare tutti e si impone senza chiedere a chi non è a rischio di rinunciare a qualcosa che da bambini e da ragazzi è pesante, è chiedere molto. Il tempo per i bambini è diverso, i legami sociali per i ragazzi tutt’altra storia che per noi.

È un GROSSO sacrificio, ma da principio questi ragazzi li hanno insultati e sfottuti, colpevolizzati e criticati, perché non hanno colto, non hanno capito subito (anche perché informazione e politica sono passati da un capo all’altro degli eccessi in termini di comportamenti consigliati ma ovviamente la colpa era loro).

I bambini piccoli non escono da settimane, settimane! forse non ricordate l’infanzia, il tempo è lunghissimo.

Rompiamo le palle ogni secondo perché non devono stare davanti a TV e tablet, che devono stare all’aria aperta, adesso siamo pronti a sacrificarne felicità ed equilibrio psicologico fingendo che sia per nonno in realtà per la nostra pellaccia da quarantenni ipocondriaci e con la più squallida delle scuse: non potete dire che temete si ammalino loro, non c’è UN SINGOLO caso di bambino che si sia ammalato con sintomi più gravi di un’influenza e questo lo dicono OGNI GIORNO. Tanto che come avrete letto dall’articolo di cui ho messo sopra il link, gli altri Paesi raccomandano che i bambini stiano un minimo fuori.

Il governo italiano ventila che si potrebbe far vedere la luce del sole ai minori e succede questo .https://www.huffingtonpost.it/entry/insulti-ai-bambini-in-strada-dai-balconi-i-genitori-ci-urlano-di-tutto-abbiamo-paura_it_5e84a228c5b6a1bb76511180?ncid=fcbklnkithpmg00000001&ref=fbph&fbclid=IwAR2Y1gPOzUKqrjCPvz5VsUsvJ_Fj6dI25hqiwBJvYt1eIS2tX8hImwnuCew

Vi prego di cliccare e leggere l’articolo.

Insultano, ‘sti catorci della società seduti da pessimi ospiti nel mondo altrui, una bambina rea di essere per strada con la madre. La bambina dice che ha paura ad uscire.

Il danno fatto a bambini che debbano vedersi insultare da catorci inutili e parassiti dell’ossigeno del pianeta quali questi cosi, che nemmeno definisco forme di vita, è un danno enorme.

La paura e la sfiducia che si saranno create dentro quella bambina hanno gettato un’ombra dentro di lei, che è padrona del futuro della nostra specie, che è imperdonabile, punibile con la galera a vita.

Non vi dovete permettere, e lo dico da donna senza figli e che non dovrebbe capire ma mi pare che io abbia a cuore i figli degli altri spesso con più lungimiranza di alcuni genitori egoisti e narcisisti, non vi dovete permettere di insultare i bambini e i ragazzi perché siete ospiti, spesso inadeguati, spesso falliti, spesso non avete saputo cogliere le vostre chanches, spesso invece vi sono state rubate da vecchi avidi ed egocentrici che hanno continuato a controllare tutto anche da dentro un polmone d’acciaio, gente senza amore per l’Umanità e anzi carica d’odio e invidia verso i giovani. Se appunto magari è proprio questo che vi ha reso a vostra volta acidi, cattivi e patologicamente egocentrici (una delle ragioni dell’ipocondria) allora a maggior ragione abbiate un minimo di amor proprio e non permettetevi, anzi scusatevi con questa nuova generazione che non fa altro che pagare l’infantile inadeguatezza dei suoi vecchi.

Gli si è tolto tutto, la speranza del lavoro, di farsi una famiglia, il pianeta su cui devono costruire la prossima tappa della nostra specie. Adesso anche l’aria e persino per pretesa, senza vergogna. Non permettetevi più sennò questo momento storico sarà inevitabilmente quello in cui dovremo prendere atto che questa morale non funziona e sarà meglio agire come gli elefanti.

Post in evidenza

Non veniamo a dare ciò che avanza ma a condividere ciò che abbiamo

“Non veniamo a dare ciò che avanza ma a condividere ciò che abbiamo”, questo concetto con cui si sono presentati è la spiegazione semplice del perché ho capito di essere una persona di sinistra.

Non si “decide” una cosa del genere, ad un certo punto si “sa”. E non perché lo fossero i miei ma perché ad un certo punto, sicuramente per i valori per cui mi hanno cresciuta, capisci che lo sei, tra le tante ragioni, anche perché sicuramente è facile fare “beneficenza” quando ne hai che ti avanzano, dura è spartire il poco che hai pur a rischio di restare senza o rinunciare a ciò che ami.

Il pluricitato papà aveva delle rigidità ai miei occhi insopportabili, quando ero piccola in un mondo capitalista. Una volta ricordo che in una discussione al campeggio spartano in cui ci portava d’estate, sentii qualcuno dirgli: “Va bene allora ti sta bene metterti in fila per la carta igienica con uno Stalin che ti comanda”.

E lui ha risposto: “Se c’è uno che comanda non è comunismo applicato ma il comunismo è stato un pretesto per un totalitarismo, in ogni caso è molto più facile che ti trovi in fila per la carta igienica in un mondo capitalista, con la differenza che in fila ci sarà chi è pronto a menarti per prenderla a te, e in un mondo comunista invece è più probabile che ve la spartite”.

L’ideologia comunista e la sua inapplicabilità, la sua utopia, mi sono chiari dopo anni di studi e osservazione ma ho compreso di essere una persona irrimediabilmente di sinistra per questo valore fondante. La condivisione, la solidarietà e non perché sono pronta a dare i miei avanzi o ciò che non mi costa granché, il saper rimanere coerente con la sollecitudine anche quando sto rischiando di persona e ho mille problemi e paure.

Non è retorica dire che mi hanno commosso le immagini dei medici di Cuba. Con tutte le critiche e le contraddizioni, con tutta la consapevolezza di un’estetica romantica eccessiva di ciò che certe rivoluzioni hanno generato, vedendo intanto la gente che qui fa la fila per la carta igienica, nel sospetto e nel livore dettati dalla paura esattamente come previsto da quello strampalato capocantiere che mi ha generato, non è stato possibile non commuovermi un pochetto.

Post in evidenza

Le donne che dovreste veramente criticare (ovvero la volpe e l’uva come falsariga)

In questa valanga di critiche e insulti verso le giovani donne perché si impegnano politicamente “e chi sei tu per impegnarti politicamente”, o perché hanno successo sui social accusate di vendere un mondo superficiale “come osa fare i milioni Chiara Ferragni”, o perché semplicemente esistono e sono giovani, le creature più pericolose da cui invece dovremmo guardarci, le donne che ammorbano seriamente la dignità del femminile sono quelle che vedo invecchiare con me da anni, una categoria precisa: magari mai state belle ma hanno deciso di giocare la carta del che schifo essere belle, io sono intellettuale (dove l’intellettualismo si è limitato magari ad un paio di libri su quanto non abbiano bisogno del maschio, scritto mentre piangevano in un angolo aspettando la chiamata di quello sposato che le vedeva in qualche pomeriggio libero), magari hanno provato a fare le attrici, non riuscendoci per poi dire che tanto il cinema italiano fa schifo, per infine invecchiare creandosi una specie di fama sbilenca sputando su tutti, fingendo un cinismo e una posa un po’ Hemingway un po’ Carrie di Sex and the city, continuando a dire che sono cretine e cornute quelle che hanno un compagno o peggio una famiglia con figli, idiote quelle che hanno successo perché tanto non lo meritano, zoccole quelle cui è stata donata la bellezza, brutti i film in cui il peccato originale è stato che quel regista o produttore non ha mai considerato la criticante come sceneggiatrice, orridi i libri che sono andati meglio dei suoi stupidari pseudo intellettuali ma buoni nemmeno per leggere qualcosa al posto dell’etichetta dello shampoo quando si fa la cacca.

Questo genere femminile, oggi naturalmente in prima linea contro le Greta ma anche le Ferragni (che hanno il peccato oltretutto, nei confronti della criticante-tipo cui mi riferisco, di aver spazzato via il suo essere stata pallida “tweetstar” per otto minuti) è la cosa più triste e stancante, mortificante per il buon gusto e devastante per ogni forma di lotta femminile, cui assistiamo.

Ma non ne parliamo, loro non le blastiamo.

A vedere il bicchiere mezzo pieno si spera che sia perché nonostante l’importanza che si danno come giudici del reale, hanno meno peso della piuma di Forrest Gump.

A vederlo mezzo vuoto nasce il timore che questo spostamento della generale critica e dell’odio da costoro verso invece chi ha valore o tenta di crearlo, ci sia perché la società alla fine preferisce un femminile acido, fallito e livoroso all’idea di giovani donne che hanno reale impatto sul mondo e soprattutto, decenni davanti di vita e futuro per cui combattono che ‘ste vecchie volpi incartapecorite anagraficamente non hanno, ed è questo che le fa sbavare tanto fingendo di ignorare l’uva.

Post in evidenza

Confondere una trasformazione necessaria in un nemico da uccidere (anche nella rivoluzione delle donne)

La nostra prima battaglia ideologica nel mondo è contro una realtà pericolosa abbattendo la quale:

-potremmo tutti comprendere l’ordine delle priorità ergo le emergenze per la nostra sopravvivenza assoluta: il bene del pianeta, il pericolo nucleare, la gestione della tecnologia

-potremmo ragionare sulle emergenze sociali alla base della nostra qualità di vita e sicurezza: incentivare e rendere accessibili sanità, istruzione quindi cultura, distribuzione di lavoro e risorse in modo più equo, eguaglianza di diritti legali e sociali, arricchimento etnico e culturale delle nostre società (primo motore dello sviluppo culturale ed economico delle società che evolvono) con tutela dell’espressione delle diversità di scelte private (sentimentali, religiose, tradizionali)

– ripensamento filosofico e quindi trovare soluzioni pratiche ad un sistema capitalistico che uccide le persone, crea avidità quindi ingiustizia, guerre, iniquità, sistema allo stadio terminale che alla luce del punto primo, richiede di essere sostituito da un sistema più consono alla evoluzione del mondo.

Questa realtà che ci acceca da questo semplice programma si chiama DEMAGOGIA. Il nostro principale nemico è l’accecante e stucchevole DEMAGOGIA, generata e insieme generante QUALUNQUISMO, nascosta anche dietro le migliori intenzioni e che a volte fa male ad una giusta causa invece che sostenerla.

Ecco perché chiedo, pubblicamente, alle colleghe di professione REGISTA nel mondo di meditare 45’, pensare all’effetto, origini e conseguenze di ciò che si dica nell’ambito del nostro microcosmo, sulla scelta fatta da esseri umani di sesso femminile in professioni (mica solo questa) in cui culturalmente e praticamente ci si è ritrovate e ci si ritrova ad avere più oggettive difficoltà. Non sono battaglie in cui si debba abbattere un nemico, sono sfide in cui si deve trasformare una mentalità e la caduta in affermazioni o atteggiamenti naive, diventa un passo indietro nella credibilità di questo concetto. E non ho altro da dire su questa faccenda.

Nella foto: la 18enne Alyssa Carson, la più giovane graduate alla Advanced Space Academy, unica persona al MONDO ad aver finito tutti i NASA camp.

Perché lei? Da piccola volevo fare l’astronauta. Mi hanno detto: per una ragazza è impossibile. Poi ho detto di voler fare la Regista, mi hanno detto che era come voler fare l’astronauta.

Non mi sono lamentata e mi sono messa a lavorare duro per farlo. Alyssa si è messa a lavorare duro per farlo e ha doppiato persino il mio progetto “impossibile” perché “una ragazza”. Fare crea la Rivoluzione.

Post in evidenza

L’equivoco del #successo

Sempre sull’ossessione della fama e l’equivoco del successo.

Chi decide di dedicare la sua vita a qualcosa di complesso e totalizzante come il prestarsi ad una forma d’arte, e lo fa in vista dell’essere un giorno “ricchi e famosi”, a mio avviso parte malissimo.

Prestare la propria intera vita, (dato che ogni mestiere legato alla creatività è un legame diabolico e una vocazione che non fa sconti) ad una vocazione ha il suo senso nella fatica stessa e nel percepirsi come uno strumento, nella rabbia e nel piacere del personale miglioramento, nell’umiltà quando si dà al mondo il prodotto finito e si sa che il mondo ha il diritto di farlo a pezzi ma tu, mentre lavori sei solissimo, merito e colpe sono solo tuoi.

Il merito tentano tutti di espropiartelo, le colpe sono tutte tue, questo lo sai e lo accetti.

A me irrita quando la gente stolta la mette sul piano di fama e successo, perché oggi come oggi significa metterla sul piano della foto 2: essere famosi per essere famosi, che tutti ti conoscano e, attenzione, che pur ti odino e insultino ma il dio algoritmo ti benedice famoso purché se ne parli.

Non è nemmeno questione d’essere amati, o bravi in qualcosa ma essere famosi.

Quindi, per l’Arte, oggi il “non essere famosi” sta diventando, speculativamente parlando, sintomo del fare bene e reale garanzia di eternità?

Il successo andrebbe inteso come forma del verbo succedere, nell’Arte: volevo realizzare quest’opera, è successo, riuscire a fare questo difficilissimo passo per cui ho buttato sangue, è successo.

Quel per cui tutti quelli che perseguono la fama è e rimane come sempre la paura atroce della morte e dell’oblio ed è umanamente tenerissimo il fatto che non ci si renda conto che niente ci salva dal Tempo implacabile, non certo il fatto che tutti ci conoscano e nemmeno forse un’opera che attraversa i secoli.

Quel che ha sempre irritato gli dèi e acceso la loro invidia rimane il fatto che non siamo immortali ma i nostri istanti di soddisfazione e la dignità dei pochissimi istanti di una piroetta che finalmente è riuscita per poi essere già pronti a sudare e farci male per il prossimo passo per la sola gioia degli spettatori e nient’altro pur sapendo che un giorno spariremo per sempre loro non sanno come ottenerli. È solo il saper di sparire per sempre e avere poco tempo che li rende veramente eterni.

Post in evidenza

I demoni e Babbo Natale

Ho ostilità da sempre verso i cartoni animati, mi fanno una certa impressione, il fatto che ci siano delle figure che parlano e si muovono come fossero reali ma in realtà sono disegnate.

Così come non ho alcuna simpatia, come chi mi conosce sa, verso bambole e giocattoli.

Ho passato la vita a cercare di ricostruire dove possa essere il trauma che mi fa detestare tutti questi simboli e passioni dell’infanzia.

Mia madre una volta mi ha detto che forse è dovuto ad un cartone animato in bianco e nero che ho visto da piccola, e che ha detto mi aveva impressionato.

Invece ultimamente comincio a pensare che sia dovuto a un fattore di cui sono convinta, ho scoperto da un mio vecchio diario, da sempre.

Che dal punto di vista pedagogico, penso sia sbagliato e crudele crescere i bambini con la convinzione di un mondo protetto, difeso, colorato e posticcio. Personalmente, credo che in me possa essere scattato un qualche senso di tradimento rispetto a quegli stilemi di cui ti circondano da bambino.

Sono sempre stata convinta, anche nella vita adulta, che sia meglio essere molto chiari ed espliciti e prepararci sempre al peggio. Cosa di cui mi convinco sempre di più, osservando adesso, da adulta, tutta una generazione di bambini di cui ricordo l’infanzia, e di cui osservo il nevrotico egoismo, individualismo, rabbia feroce e spesso immotivata, aggressività e violenza perché il mondo non è il parco giochi personale che si aspettavano.

Forse, come avevo scritto in una mia tesina di pedagogia che riguardava i bambini in varie epoche, dovremmo cominciare ad essere più sinceri e realistici con i bambini. Saper distinguere più o meno da subito nei nostri racconti e rapporti con loro, ciò che fantasia e ciò che invece la realtà.

Più mi guardo intorno, più mi rendo conto che le persone più capaci di amore, di empatia, con reale comprensione di far parte di un Tutto, di capacità di percepire il proprio ruolo della rete di Indra, sono persone che hanno avuto un’infanzia più dura, o comunque con genitori che per certi versi li hanno “protetti“ meno seppellendoli in una sorta di mondo di Oz, prolungato spesso in modo inverosimile.

Tutta questa delicatezza, questo filtrare la realtà con un setaccio a maglie strettissime, secondo me non fa poi tutto questo bene all’adulto futuro e al ruolo che avrà per la società, ed è una convinzione ormai nettissima che ho maturato non tanto per gli studi che ho fatto, per l’osservazione.

Tutto questo per consigliarvi di essere subito molto chiari: Tesoro, Babbo Natale non esiste e noi non c’abbiamo un euro per i regali. Non sentitevi in colpa, almeno un domani non vi accopperanno di notte per averli illusi.

Riguardo la Palombelli, il vero problema era proprio il “contesto”

A proposito, un’ultima volta, delle parole della Palombelli e delle conseguenze di quelle parole, adesso c’è chi supporta la sua teoria “ma non avete considerato il contesto, non avete visto tutta la puntata”, intorno al punto per cui nella storia (inventata, come sempre, a Forum) è una “lei” che picchia un “lui”. Sfugge a chi adesso richiama quel contesto, che lo avevamo chiaro da subito che nella puntata si tratta di una donna che picchia un uomo, e stupisce che si possa pensare che l’accusa alle parole della Palombelli nascesse da un equivoco in tal senso.

Sì parlava di una donna che picchiava un uomo, cosa dovrebbe cambiare?

È proprio qui che si svela un pregiudizio, un luogo comune che personalmente associo alla tendenza della nostra epoca di fare di tutto un gadget, uno slogan pubblicitario, una moda. Ci si è interrogata una studentessa di cui ho seguito la tesi di Laurea, parlando di femminicidio, su quali siano i rischi di un termine e quante le probabilità di circoscrivere un problema o addirittura banalizzare – se non giustificare – un reato contro la Legge ma soprattutto contro la morale, contro il diritto di un individuo, circoscrivendo un problema, soprattutto per queste benedette parole e come suonano una volta che diventano un termine il cui senso non si è compreso appieno.

Questo pregiudizio ha fatto sì, secondo me, che per un processo inconscio della Palombelli, sia arrivata ad esprimere quelle parole incredibili sentendosi coerente: “Ehi, ragazze, ma perché mi aggredite, qua è una donna che picchia un uomo, di che parliamo?”

Inutile far notare la freccia semantica tra il riferimento ai sette femminicidi e il caso che si andava ad affrontare per annullare completamente il senso di questo inconscio senso di coerenza , ma ancora più inutile forse fare riferimento al fatto che l’inaccettabilità dell’uso della violenza verso una persona con cui si ha, si vorrebbe, non si ha più e non si accetta, una relazione, non riguarda una sola circostanza possibile. E non ci sono scuse, mai, per quanto esasperante sia qualcuno con cui si condivide un rapporto di qualunque tipo, il ricorso alla violenza riguarda se stessi e il proprio mondo interiore, non l’altro e il suo comportamento.

A me è successo di un caro amico la cui compagna ha fatto male più volte, per gelosia, ma male male, lui mi mandava delle foto scrivendoci sotto “se mi trovano morto sai cos’è successo, questa è la prova di quello che mi ha fatto oggi”. Perennemente pieno di graffi, addirittura di morsi. Non è stata l’unica volta nella mia vita, in cui ho purtroppo avuto diverse amiche con uomini violenti e sono la maggioranza, che mi sia però ritrovata ad assistere a relazioni tossiche in cui la vittima fosse un uomo che subiva violenza da parte di una donna, o di coppie di persone dello stesso sesso. Ho frequentato per molto tempo una coppia di amici apparentemente molto innamorati, uomini, di cui uno dei due tendeva a picchiare il compagno in quel caso non per gelosia ma perché, diceva “era nel suo temperamento, quando si arrabbiava”.

In ognuno di questi casi ho, naturalmente, spinto con ogni consiglio possibile la persona maltrattata a denunciare, cosa che gli uomini non fanno perché la nostra cultura machista li fa vergognare d’andare da un poliziotto o un carabiniere a dire “mia moglie mi picchia”, ma nemmeno riesci a convincerli a liberarsi da un rapporto così tossico perché, e qui è il punto, sempre culturalmente ritengono che una donna violenta in un rapporto sia gestibile, sia solo un po’ pazza, sia da nascondere il fatto che per quanto esasperanti, non risponderebbero mai con le stesse modalità “so che se reagissi le farei molto più male” e pensano che, in quanto fisicamente più forti e padroni di se stessi, sia giusto ritrovarsi con un occhio nero o rischiare di essere uccisi a coltellate mentre dormono.

Saranno esasperanti questi uomini o donne coinvolti in relazioni con una persona dell’altro sesso o dello stesso sesso che è violenta e prepotente nel pretendere amore, attenzioni, d’aver ragione? O ha forse un problema chi pensa che l’altro sia una sua proprietà e può disporne come vuole? E perché in una coppia di uomini o di donne, la questione di un rapporto tossico solitamente non sveglia coscienze, non si trova una definizione anzi si tende solitamente a fare battute omofobe e cattive, come fosse ovvio che ci siano occhi neri e braccia rotte: sono pazzi, non sono normali, è “un classico lesbodramma”, e via così.

Perché, parlando di parole e del loro peso, non allarghiamo il concetto, in un’epoca in cui tentiamo di rendere moda – ma ben venga purché se ne parli come nel caso del femminicidio – la necessaria abolizione di confini e definizioni, e usiamo questo buffo asterisco nelle finali di una lingua, quella italiana, per cui se in un gruppo di cento persone una è uomo, allora si usa il plurale maschile, quindi un’epoca in cui abbiamo capito il pericolo delle definizioni strette e delle ghettizzazioni, non normalizziamo che in nessuna relazione, in nessun caso, è accettabile la violenza con il pretesto dell’amore? Il senso del possesso, del dominio, che portano al femminicidio inteso come non-accettazione di ciò che la donna rappresenta per una cultura machista che inconsciamente o meno invidia tanto i talebani, come ha alla fine sintetizzato la studentessa di cui sopra, è un termine che riguarda il desiderio di uccidere non quella persona e basta, ma ciò che rappresenta, è questo che intende quel termine nella nostra cultura, allora se sono le parole a controllare la nostra logica, troviamo un termine che non sia solo omicidio, delitto, lesioni, per un reato che riguarda un desiderio di controllo e dominio tale verso una persona da ritenersi in diritto di ferirla, maltrattarla, arrivando a toglierla dalla faccia della terra se non fa quello che vuole chi pensa di averne proprietà.

Così equivoci come il meccanismo inconscio per cui la Palombelli si è sentita tranquilla ad usare quelle espressioni perché, ripeto, inconsciamente, pensava di non stare toccando un argomento per cui sa bene che sarebbe stata linciata, non accadrebbero più.