Archivi categoria: il mondo dalla mia stanza

Periodi in cui non ho voglia di mettere il naso fuori di casa, ma vi vedo lo stesso.

Il qualunquismo di chi lo definisce buonismo 

Mi deprime molto leggere in giro commenti e opinioni a proposito dello sgombero violento dei migranti da piazza Indipendenza, va detto che non è un copyright romano perché è successo qualcosa di simile a Bologna, ma mi deprimo ogni volta … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Quel che fare del nostro corpo e della Vita (guardando un TG)

Basta guardare un’edizione di telegiornale per cogliere il paradosso. Altri devono decidere, fingendo di inseguire la morale, in realtà macchiandosi del più ingenuo moralismo, quando e come possiamo dare la Vita, gestire il corpo, tenerci o toglierci la Vita. La … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized, whatever | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Lo spazio, il tempo, il futuro e ogni cosa possibile

Sono cresciuta a pane e fantascienza. Intanto i primi anni della mia vita li ho passati in Finlandia, sopratutto nel piccolo paesino in cui aveva casa mia nonna e a suo tempo dove abitavamo noi era una casetta di quelle … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento