Archivi categoria: c’è pure questo

Cose di cui in teoria non avrei mai pensato di aver voglia di parlare

Il qualunquismo di chi lo definisce buonismo 

Mi deprime molto leggere in giro commenti e opinioni a proposito dello sgombero violento dei migranti da piazza Indipendenza, va detto che non è un copyright romano perché è successo qualcosa di simile a Bologna, ma mi deprimo ogni volta … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Quel che fare del nostro corpo e della Vita (guardando un TG)

Basta guardare un’edizione di telegiornale per cogliere il paradosso. Altri devono decidere, fingendo di inseguire la morale, in realtà macchiandosi del più ingenuo moralismo, quando e come possiamo dare la Vita, gestire il corpo, tenerci o toglierci la Vita. La … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized, whatever | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Lo spazio, il tempo, il futuro e ogni cosa possibile

Sono cresciuta a pane e fantascienza. Intanto i primi anni della mia vita li ho passati in Finlandia, sopratutto nel piccolo paesino in cui aveva casa mia nonna e a suo tempo dove abitavamo noi era una casetta di quelle … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Della democrazia e dell’appartenenza alla minoranza

Personalmente da tutta questa rumorosa faccenda del referendum ho dedotto una cosa, forse un passo fondamentale per la mia esistenza privata. Assisti con pazienza e tolleranza alle manifestazioni più alte della stupidità da quando sei entrata in età di coscienza … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La Raggi e le ragioni della rigidità femminile (ovvero dell’equivoco sulla seduzione)

Ancora prima dell’elezione come primo sindaco donna di Roma, Virginia Raggi, come ogni candidato a qualcosa di rilevante e non solo nel nostro Paese, è stata messa sotto la lente dell’ingrandimento e ne sono stati individuate caratteristiche buffe (le orecchie) … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, Uncategorized, whatever | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento