c'è pure questo · della narrazione · il mondo dalla mia stanza · whatever

Prove a carico contro la democrazia per comprovata stupidità

Dimostrazione della pericolosità della massa che non c’ha niente a cui pensare, prova #467732.

Un uomo di sessantuno anni famoso nel mondo, talento che i grandi della Terra chiamano amico, ha viaggiato in lungo e in largo pasteggiando con ogni popolazione del pianeta, amori, una figlia adoratissima, ricchezza, saggezza, si mette con una donna controversa, di indubbia personalità e si amano, di un amore che tra persone con un vissuto come il loro alle spalle probabilmente non è né banale né prevedibile, mentre prosegue la sua vita ricca e stimolante, quella che chiameremmo la vita di chi ha tutto. Poi, per quelle ragioni che millenni di Filosofia e più di un secolo di psicanalisi non spiegano, quest’uomo si toglie la vita. E una massa di animali da cortile si mette a starnazzare sui social che sicuramente è avvenuto per via di una foto paparazzata della compagna di lui che balla con un giornalista che l’ha sostenuta a Cannes per il suo discorso in merito alla battaglia che costei sta conducendo. E gli ovipari la insultano accusandola del gesto di una persona la cui personalità nessuno di noi nemmeno può sognarsi di intuire.

Un grosso ma davvero grosso punto a favore di chi dice che il popolo è bue.

Io preferisco dire gallina.

Ma solo aderendo a modi di dire popolari, dato che le bestie prive di pollice opponibile hanno il pregio di non conoscere lo squallore della cattiveria.