c'è pure questo · della narrazione · il mondo dalla mia stanza · whatever

La deriva del Titanic

A me, da sempre, la realtà dei 5stelle ha ricordato quella situazione paradossale in “Vivere!” , il film di Yímòu, quando durante la Rivoluzione Culturale i ragazzini, nel loro furore ormonale del “mettiamo in galera i vecchi, i professionisti, i professori”, ci sbattono anche i dottori. E quando in ospedale una donna sta per morire di parto e loro non sanno cosa fare, perché non sono ancora arrivati fin lì con gli studi, ci provano pure a riprendere dalla galera un medico ma quello ormai era praticamente morto di fame, e si strozza con un panino. E muore anche la donna, ovviamente.

È vero quello che dice la Arendt, ogni nuovo arrivato sente il dovere di mettere in questione il mondo così com’è, ma quel che è vero rispetto all’accusa di barbarie, che se da una parte è veramente folle proporre e votare chi ha come unico argomento una presunta onestà (che peraltro non c’è) come dato preferibile alla professionalità, dall’altra è vero che è barbarie la prepotenza dei toni, delle pretese che tutto e tutti, persino la Costituzione, si pieghino a quel che si desidera, battendo i piedini, stizziti.

Quello che spaventa, dal punto di vista della Storia sono l’incoerenza e la morale a doppio binario (massacrare verbalmente l’avversario per il peccato A ma se vien fuori che anche tu hai commesso il peccato A, urlare- perché il punto è comunque mantenere livorosi i toni- alla macchina del fango, etc) quello che spaventa non è che un movimento strampalato e privo di esperienza e professionalità politica e un insieme di partiti fascistoidi abbiano le suddette caratteristiche ma che la maggioranza degli italiani li abbia votati.

Quindi la maggioranza degli italiani È così, non ha gli strumenti per ravvisare le lacune e la pericolosità della prepotenza, per capire che è sbagliato, non è da fichi, non è da onesti, non è da “voler cambiare in meglio il mondo” la mancanza di rispetto, Socraticamente parlando, delle Leggi e Istituzioni del Paese in cui si vive, e non criticano toni e termini livorosi, no, anzi.

Perché come é evidente dal qualunquismo e dalla violenza che si notano già nel piccolo dei battibecchi sui social, questa percentuale di italiani che invece di aver disprezzo e paura di questi bulli, li sostengono, SONO così.

In questi giorni ho letto di gente che scriveva “vedrete cosa vi faremo! vedrete adesso come epuriamo anche la stampa!” e frasi da picchiatori fascisti, vedi quelli che ad un tentativo di dialogo sul piano politico sanno rispondere solo “eallorailailpd/ealloraivecchipartiti”, insomma a me davvero spaventa quel che è questo Paese e come risponderà la Storia a questo caos.

Storicamente ad una simile inettitudine politica per un popolo così impreparato e che scambia la rabbia per interessi personali con sdegno politico, non c’è che una conseguenza possibile, una dittatura.

Così magari ricominciamo la ruota, perché poi arrivino quelli che oggi hanno dieci anni e si ritroveranno ventenni in un regime, studieranno, capiranno, accuseranno il qualunquismo e la superficialità dei loro genitori e faranno la lotta per ricreare una nuova democrazia con una prima generazione con sufficiente cultura politica.

Chi però non conosce la Storia ma vive di caccia al nemico, superficialità, centro commerciale e serata di salsa merengue, chi ha talmente frustrazione da sostenere quello che urla e dice parolacce giusto perché urla e dice parolacce come tu avresti tanto voglia di fare, perché non sai che ci sarebbero altre soluzioni, cosa vogliamo che possa fare, di diverso.

Quindi dobbiamo prepararci a tempi veramente spaventosi, pronti al fatto che quando il Titanic affonderà questi spareranno a tutti in testa per prendersi le scialuppe. Per primi a quelli che ora sono lì a difenderli manco fossero i gattini che pubblicano sui social.

c'è pure questo · della narrazione · di cinema · il mondo dalla mia stanza · whatever

Noi Don Chisciotte e i nostri bambini

Le ragioni per cui probabilmente quel genio assoluto che è Terry Gilliam ha avuto l’ictus (anni per fare un film su cui pare sia stato massacrato da collaboratori ottusi e ora problemi di diritti tra chi vuole magnà sul suo film forse bloccandogli l’uscita in sala) mi fa riflettere su quale sia il vero, reale, problema di questo lavoro, il vero tabù, su cui Fremaux dice idiozie perso nel bla bla di cosa sia poesia o meno, e cioè che tutto si deve agli Autori, la generosità, dedizione, fatica di anni dietro quel primo motore immobile che è l’idea, senza la quale non ci sarebbero che il buio e il nulla, idea che è lì nella mente e nel sogno di un regista come un piccolo embrione di due cellule microscopiche e nasce per il fruitore, l’unico vero committente per cui l’Autore lavora, per dare al mondo bellezza o intrattenimento che sia, togliere lo spettatore dalla sua vita e problemi per tot ore (quale che sia il device su cui lo vedrà e che duri due o tredici ore), per raccontare un mondo che non si può cambiare ma si può narrare, per far sognare, regalare catarsi. Per un Autore, che per anni si scarnifica e mette anima e sangue in queste creature, un film è un figlio, un bambino vero e proprio che gli

parla, lo tiene sveglio la notte, lo fa stare in pena, durante una gestazione solitaria, silenziosa, dolorosa, durante la quale ci sei tu che immagini solo quello, vedi i personaggi intorno a te e con te, in questa solitaria gestazione dolorosa in cui accanto a te ci sta solo chi intanto si sbatte a cercare i soldi per farlo nascere questo figlio che potresti perdere in qualunque momento, e al massimo chi ha scritto la storia con te e che condivide la tua gestazione, se non l’hai anche scritta da solo, la tua storia. Bene, a questa generosità e fatica, a questo mettersi a nudo corrisponde purtroppo il fatto di doversi rapportare all’avidità, ottusità, egoismo e volgarità di un universo in cui poi devi rapportare le carni del tuo bambino a gente che guadagna veramente troppo (pensando a quel che c’è là fuori e come vive la gente che ha vite più ordinarie e professioni meno fortunate), e a quei già veramente troppi soldi ci si attaccano come una sanguisuga alla giugulare del bambino, sia in ruoli in cui si dichiarano o definiscono ridicolmente “artisti” che non, nel primo caso con la faccia tosta di professare pubblicamente di pensare alla bellezza, al “pubblico” quando l’unica cosa cui pensano e capiscono è il proprio interesse su cui non transigono, o anche poi gente che solo perché coinvolta nel prodotto finale, come chiamano quel bambino inerme che l’Autore ha messo pur se su solide gambe, o peggio cui il bambino viene affidato e crede che quel primo motore immobile gli appartenga, ne fa quel che vuole con il solo scopo di sgraffignare quel che può gettando il bambino agli sciacalli, sbattendolo al muro, minacciando e sabotando la sua vita sulla base di fantomatici diritti e dirittuzzi.

Questo è ciò che è vero, di questo lavoro, sull’essere “registi” , quel mestiere che definiscono privilegiato, su cui si tessono leggende ridicole e su cui sto scrivendo il mio libro con nomi e cognomi anche per portare fuori il suddetto tabù.

Ma io mi muovo in un mondo piccolo e artigianale, non protetto e quindi più selvatico.

Venire a sapere che tutto questo porcile da cani di bancata con la rogna di cui sopra possa valere anche per uno come Terry Gilliam che sta al Cinema come Michelangelo alla scultura e la cui “poesia” quindi credo resterà intatta nei secoli, quando di ogni persona coinvolta in queste faccende a qualunque ruolo e livello resterà al massimo l’escremento dei vermi che se li mangeranno, alimenta in modo esponenziale il mio disprezzo e avvilimento e soprattutto prendo atto che non c’è speranza, se non arriva una guerra, un’invasione aliena o un’Apocalisse a scuotere questo pianeta e ridare uno sguardo meno folle e delirante all’umanità, anche nel paradossale microcosmo del mondo in cui mi muovo.