Archivi del mese: luglio 2014

NON HO BISOGNO DEL FEMMINISMO PERCHE’ A ME CUCINARE PIACE (e poi c’ho il bimby)

Dato che mi professo osservatrice, osservo. Osservare è la cosa che mi viene meglio da che mi ricordi di esistere.  Gioco molto al gioco della smemorata, non ricordo dove metto le chiavi, dimentico i nomi (soprattutto i cognomi) ma alcune … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

LA VIA DI MEZZO ( e della sindrome di Filini)

  Ognuno ha il suo carattere e il rispetto di tutti significa accettare gli altri con le loro differenze, i loro difetti, le loro peculiari caratteristiche. D’altronde se c’è una cosa che mi ha insegnato la vita è saper amare … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

ANNE E LA BUROCRAZIA #56723 (non si uccidono così anche i cavalli)

L’altro ieri vado a consegnare (come cortesia a una persona cara) un documento alla Direzione Cinema del Ministero dei Beni Culturali (dove negli ultimi quindici anni mi è capitato spesso di presentare domande etc quindi premetto: ci vado preparata, ma … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento