Archivi del mese: novembre 2013

Accorato appello ai giornalisti italiani (con ricetta di torta alle mandorle)

La mattina a colazione Lorenzo e io abbiamo questa abitudine, che sicuramente fa un po’ vecchia coppia lei con bigodini in testa, lui con pigiama a righe: Lorenzo legge le notizie a voce alta e commentiamo, a farci più moderni … Continua a leggere

Pubblicato in della narrazione, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Giochiamo che questo era il bunker e fuori c’era la guerra atomica

Ieri, buttando un occhio ai social, ho notato questo: Molti ne hanno parlato con ironia e battute stiracchiate, qualcuno l’ha anche vista come una soluzione. Personalmente al di là di qualche rapido pensiero su quanto debba essere complicata la faccenda … Continua a leggere

Pubblicato in il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Dunque ci laveremo i capelli (ovvero facciamoci trovare pronte)

Sono nata di quasi quattro chili con i capelli neri ricci e gli occhi blu. I miei nonni finlandesi esultarono per i capelli neri ricci presi dal papà, i nonni siciliani per gli occhi chiari presi dalla mamma. A tutti, … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, della narrazione, gli uomini maturano, le donne invecchiano, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento