Archivi del mese: novembre 2011

perduto amor (ovvero se sono un intellettuale non uso l’I-pad)

Dovresti impegnarti a conservare e tramandare il passato, non viverci dentro, sennò sei un fantasma, un parassita inutile al presente e non servi a niente per quelli del futuro. Sei un parassita egoista che invece di usare la tua vita … Continua a leggere

Pubblicato in il mondo dalla mia stanza | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

aoh, ma un caffettino?(ovvero messaggi dallo spazio infinito)

E’ troppo grande la città ed è difficile incontrarsi, potrebbe essere il ritornello che sottolinea i nostri rapporti interpersonali. Almeno a Roma. A volte rifletto su quanto poco e quanto raramente si riesca ad incontrare o frequentare come dio comanda … Continua a leggere

Pubblicato in di cinema, il mondo dalla mia stanza, whatever | Lascia un commento

IN 3D? SEI PAZZO?(ovvero rassicurazione per seguaci del vademecum radical chic)

Una volta, un bel po’ di anni fa, ho assistito a un dibattito al Sacher, la sala cinematografica romana di proprietà di Nanni Moretti, condotto proprio da lui. Era il periodo in cui al cinema furoreggiava “Matrix” e una ragazza, … Continua a leggere

Pubblicato in di cinema | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Il buffet. (ovvero un piccolo post scatenato da un evento apparentemente irrilevante)

Dunque, ieri Lorenzo mi ha fatto vedere il videetto che ha girato Lunetta Savino per il movimento “Se non ora quando” per salutare il berlusca che va, o che comunque s’aqquatta perché a me il sesto senso sciamanico continua a … Continua a leggere

Pubblicato in c'è pure questo, il mondo dalla mia stanza, whatever | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

ITAGLIANI (ovvero la Storia delle nostre Liberazioni)

Per chi come per me il quasi-ventennio berlusconiano ha corrisposto più o meno alla sua crescita, queste giornate sembrano fantapolitica. Ci sembra incredibile che “finalmente quello se ne va”, anche se poi il merito non è stato così nostro, del … Continua a leggere

Pubblicato in il mondo dalla mia stanza | Contrassegnato , | Lascia un commento